VENI’, VENI’ E MI AMORE il nuovo album di Quinzân

comunicato con preghiera di pubblicazione e diffusione

La Musica nelle Aie è lieta di annunciare

 

VENI’, VENI’ E MI AMORE

il nuovo album di Quinzân

edito da Galletti-Boston

concerto di presentazione

giovedì 25 ottobre, ore 20,30

Teatro dei Filodrammatici

viale Stradone 7 – Faenza

interverranno tutti i musicisti che hanno partecipato alla realizzazione dell’album

 

VENI’, VENI’ E MI AMORE
2012 – Ed. Galletti-Boston
Questo nuovo album di Quinzân, come i precedenti, non si sofferma su un unico genere musicale, ma ne attraversa diversi con la ricerca di avvicinarsi sempre di più alla Romagna, terra tradizionalmente abituata ad assorbire e fare propri suoni provenienti da altre parti del mondo.
L’album vede la partecipazione di molti musicisti, primi fra tutti Mirko Monduzzi, chitarra dei “Saluti da Saturno” che ha arrangiato e curato artisticamente i brani e Andrea Sarneri alla fisarmonica e alle tastiere oltre che responsabile delle registrazioni.
Da segnalare il contributo fondamentale alle voci di Luisa Cottifogli, già nei “Quintorigo”, di Serena Bandoli e di Marco Vitali, importante la presenza in alcuni brani dei “Musicanti di San Crispino” e dei “Radìs”.
L’ascolto è un piccolo viaggio all’interno del giorno della vita.
L’inizio, il mattino, è rappresentato dalla filastrocca “Giovan Trabiccola” cantata insieme a un coro di bambini e dal tradizionale “Venì, venì e mi amore” in cui una fanciulla al sorgere del sole sogna il momento in cui potrà incontrare l’amato.
Il giorno prosegue con “In Paradìs”, versione romagnola del primo successo di Van Morrison e continua con un’interpretazione “bandistica” de “Il grillo e la formica”, tradizionale per bambini presente dalla Toscana al Veneto.
“Martino e Marianna” è ancora un tradizionale per bambini che univa al canto il ballo, si tratta di un litigio tra moglie e marito a lieto fine.
“In prëst” è un valzer lento e malinconico il cui testo in dialetto romagnolo ci ricorda che in fondo niente è davvero nostro; il brano successivo, “L’è u murador” è di nuovo un tradizionale in dialetto suonato dai “Musicanti di San Crispino”.
“Cumatcemta”, scritto a due mani con Mirko Monduzzi, ci porta verso i territori del sogno, una canzone crepuscolare che prepara l’arrivo dei canti della sera, allegri o malinconici che siano.
“Par un basì” è una canzone surreale e grottesca scritta da Enzo Jannacci trasportata in romagnolo, mentre “Quinzân e Piripaja”, scritta sulla musica di “Camouflage” di S. Ridgway, è una storia che parla di amicizia e di guerra.
“E marafòn” è una canzone di liscio scritta da Ely Nery nel 1965 che Quinzân reinterpreta alla sua maniera, mentre “Zavaj” è il sogno di volare e far volare nel cielo tutti gli stanchi di essere fissi a terra.
“Din don” è una dolcissima ninna nanna tradizionale in cui ritroviamo la voce bellissima di Luisa Cottifogli che chiude con i suoi cori sognanti anche il brano successivo “La not”, nato da una poesia di Nino Pedretti, poeta Santarcangiolese. Il brano è aperto dall’intensa voce di Serena Bandoli che recita il testo tutto incentrato sulla notte come immagine della fine della vita.
Il brano successivo, “Stuglé”, è come un piccolo omaggio da aggiungere a un disco in effetti già concluso, la partecipazione dei Radìs testimonia la fattiva collaborazione a un progetto musicale condiviso, quello di trovare una nuova strada alla musica romagnola.
Quinzân contadino biologico, vignaiolo e musicista, fondatore del folk festival LA MUSICA NELLE AIE,  dal 1996 ha dato vita al suo progetto di trovare una nuova strada alla musica romagnola  suonando nelle situazioni le più varie: teatri, sagre, radio e televisione.
Dopo  aver pubblicato un vinile a nome Pietro Bandini (“Sguardi al cielo”), assume lo pseudonimo di Quinzàn dal  soprannome in dialetto della propria famiglia; escono  due album che  ottengono consensi di pubblico e critica: “U ‘n piôv” del 1998 e “Lòm a mêrz” del 2003, che riceve il premio  MEI come miglior disco dell’anno della regione. Canzoni  da entrambi gli album vengono trasmesse a Rai Radio1 e Rai Radio 2 all’interno dei programmi “Demo”, “Caterpillar” e “Fuori Giri”; da segnalare la partecipazione alla trasmissione tv “Follia rotolante” di Rai 2 e tra le recensioni di “Lòm a mêrz”, quella di Massimo Cotto su “Max”.
Collaborazioni vengono poi realizzate con artisti del calibro di Ivano Marescotti, Giuseppe Bellosi, Giovanni Nadiani e  musicisti quali Luca Bonucci, Fabrizio Tarroni, Serena Bandoli, Luisa Cottifogli e nel 2010 con Massimo Bubola, il cantautore de “Il cielo d’Irlanda” e collaboratore di Fabrizio De Andrè. Sempre nel 2010 gli viene attribuito il premio “IMOLA IN MUSICA” e il “FAENZA MUSIC AWARD”.
Nel 2012 a quasi dieci anni dal precedente “Lòm a mérz” esce il terzo album di Quinzàn “Venì, venì e mi amore” edito dalla Galletti-Boston.
In questo tempo Quinzàn oltre ad aver impegnato tempo ed energie per  “LA MUSICA NELLE AIE”, Folk Festival apprezzato e noto a livello nazionale, ha continuato a portare in giro per la Romagna e non solo la sua idea di una musica legata strettamente alla sua terra e alla sua lingua, una musica che guardi sia al passato sia al presente e, possibilmente, anche al futuro.
Promozione a cura di:
APS “Castel Raniero” – musicanelleaie
info@musicanelleaie.it
tel. 335 429022 (Aldo Foschini)
C&P 2012 Galletti-Boston srl/ Faenza. http://www.galbost.com   info@galbost.com
Legge n. 196/2003 e successive integrazioni -Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali: gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio sono i mittenti di messaggi a noi pervenuti oppure provengono da richieste d’iscrizione pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. Nella eventualità che questa e-mail vi fosse giunta per errore, o per qualsiasi altra ragione desideraste non usufruire più di questo servizio, inviateci una e-mail con oggetto “cancella”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...